L'invenzione del passato nel XVIII secolo. Convegno annuale SISSD 2019 - Call for papers entro il 31/1/2019

 

"Enlightenment Identities" - XV Congresso internazionale ISECS (31 gennaio 2019: scadenza richiesta di borse di studio; 1° febbraio 2019: scadenza call for papers)

 

Incroci europei nell’epistolario di Metastasio - Genova, 6-7/12/2018

 

L'idea di nazione nel Settecento PDF  | Stampa |
Pubblicazioni

2013 - Beatrice Alfonzetti, Marina Formica (a cura di), L'idea di nazione nel Settecento, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura

 

Il volume affronta il problema della nascita dei concetti di patria e nazione prima della formazione dello Stato unitario e, specificamente, nel Settecento: fu infatti nel secolo dei lumi e degli anti-lumi, che, all’interno di un gioco di dialettiche linguistiche e concettuali, affiorarono percezioni e sentimenti di appartenenza nuovi verso le collettività stanziate su uno stesso territorio, segnate dalle medesime origini e tradizioni, e, soprattutto, sottoposte a uno stesso governo e alle medesime leggi.
Ritenendo le distinzioni tra “nazioni territoriali“, come la Francia e l’Inghilterra, e “nazioni culturali“, come la Germania e l’Italia, alla stregua di strumenti concettuali utili alla ricerca ma non per questo necessariamente dotati di validità ontologica, illustri studiosi hanno scelto di percorrere l’impervio terreno dell’indagine empirica, diretta, delle occorrenze di patria e nazione nei testi e nei linguaggi, noti e meno noti, del XVIII secolo, un’età ancora poco indagata da questa prospettiva eppure centrale per chiarire lo svolgersi di quelle dinamiche che, nell’Ottocento, avrebbero poi portato a più mature consapevolezze.

Vedi il frontespizio:  qui

Leggi l'Indice: p.I, p.II